lunedì 16 settembre 2013

Stagione Magnolosa 2013-2014 ufficialmente aperta

Mi è pervenuta giusto ieri una foto recente di una mia lettrice 


-_- 

Non lo so
i mesi sono passati come se fossero cucchiai di Nutella tra le mie mani ( e quindi puoi capire quanto veloci sia scivolati via ) e non me ne sono neanche accorta

però a mia discolpa c'è la più totale consapevolezza del non scrivere sul blog perchè la nuova Magnolia si è organizzata in modo diverso dal solito tran tran "blogghesco", quindi non ti dico che è stato un allontanamento volontario , ma quasi

Nuova filosofia Magnolia : durante il periodo di alta stagione il blog si ferma, quindi molto probabile che anche per le prossime stagioni sarà così. Non tanto per il tempo che manca, perchè quello è tiranno e avaro anche d'inverno, ma perchè sono sempre più convinta che qualsiasi cosa si faccia deve avere un suo equilibrio , un momento di alta energia e un momento di ricarica
E il blog per non spengersi ha bisogno di ricarcarsi con una buona dose di silenzio

Oltretutto in questo periodo estivo, molti cambiamenti e rivoluzioni sono state avviate in Magnolia e questa pausa mi ha permesso di capire in che direzione andare e cosa farne del blog
Di un blog che adoro, dal quale non vorrei mai staccarmi, ma che per avere un senso deve essere incanalato su un percorso preciso e chiaro

Da quando sono rientrata dalla mia esperienza a Londra e da quando ho riaperto ufficialmente Magnolia tante cose sono successe, la maggior parte meravigliose e questo anche grazie a te che mi hai seguita, che mi hai creduta, che mi hai sostenuta e che mi continui a sopportare: matrimoni, lezioni , programmi di mentoring e coaching per wedding planner , ma anche per tanti altri professionisti ( ahh sì eh c'ho l'avvocatoooo, l'architettooooo, i fotografiiiii, le artigianeeee , mi manca un buon dentista , un macellaio , un bagnino magari belloccio e sono a posto)
Tutto questo in un turbinio di email, lavori, chiaccherate, skyppate..insomma una trottola lavorativa che mi ha tenuta impegnata fino ad oggi e che continua a tenermi sempre più impegnata

GRAZIE
te lo dico di cuore perchè sei tu l'unico motore di tutto quello che succede nel Magnolia-mondo

Grazie di condividere le tue ansie e paure con me, come se fossimo sorelle.
Perchè condividere e capire che c'è qualcuno che ha provato le stesse cose, che ha passato le stesse cose è miracoloso non è vero? 
non ci si sente più soli
e la solitudine è il più grande dei mali 

Sai quand'è che mi sono sentita veramente sola io?

Ti racconto una cosa:
facciamo un salto indietro nel tempo, sarà stato metà del 2011 , ero nel pieno della stagione dei matrimoni, probabilmente il momento in cui mi è successa questa cosa sarà stato tipo Luglio...cioè nel delirio più completo
Venivo fuori da un Maggio e Giugno di fuoco e Luglio si prospettava non da meno, quell'anno ho proprio spinto al massimo l'accelleratore ed ero arrivata a quota 25 matrimoni in pochi mesi , questo solo per la stupidità di provare a vedere quanto potevo spingermi oltre (e per la necessità di guadagnare, questo causa di una cattiva impostazione di lavoro e gestione orribilis ..ma di questo ne parliamo in un altro momento)

Mi ricordo perfettamente di essere tornata da un ultimo sopralluogo per un ricevimento di una coppia straniera, era un pomeriggio inquietantemente caldo, di quelli da farti trascinare le gambe per la pesantezza dell'afa, di quelle da tonnellate di Gatorade per intendersi, accendo il pc , scarico le email tra le quali vedo una di una nuova richiesta per l'anno seguente.
Tutto normale 
Spesso mi capita di curiosare su Fb per vedere se trovo il profilo di chi mi contatta, chissà forse solo per il gusto di vederne la faccia, di sapere di dove sono, di capire che lavoro fanno e quel giorno ho fatto proprio questo: curiosare

Ho trovato subito il profilo della futura sposa , non era stato difficile, tornavano molti dettagli 

Do' una rapida occhiata al suo profilo, compiaciuta dell'ennesima richiesta e sto per chiudere quando vedo di sfuggita con la coda dell'occhio alcune amicizie in comune: due colleghe 
Non so come mai non mi ero mai soffermata a guardare le loro pagine o i loro siti, ma quel pomeriggio caldo e umido, non so' perchè , l'ho fatto
e ho pianto

Siti meravigliosi, pagine di Fb piene di iscritti e di commenti di gioia per lavori andati in porto e per tanti progetti in corso

e io, con tutto il lavoro che avevo sotto mano, non mi sono sentita alla loro altezza, anzi, ho guardato tutto e mi sono sentita sola.
Sola nel mio remare con fatica in un mare dove tutti sembravano sguazzare felici

TI MAI SENTITA COSI'? 

io centinaia di volte
Non importava quanto bene stava andando, non era mai BENE come per gli altri
Gli altri avevano più successo, più tempo per aggiornare i loro blog sempre meravigliosi, sempre con contenuti importanti, siti sempre bellissimi (e io che a malapena riuscivo a pagarmi le bollette nonostante il lavoro che avevo) , pagine interattive, avevano più soldi da investire in grafiche stupende, in pubblicità

sembrava che tutti li volessero, che le coppie con i budget migliori scegliessero loro, che avessero occasione di fare cerimonie incredibili e ricevimenti da togliere il fiato, sembrava che collaborassero con i migliori nomi del mercato

e dentro di me tutto questo pesava come se OGNI SINGOLO LORO PASSO CONTASSE QUANTO 1.000 DEI MIEI

Nonostante tutto quello che facevo, tutti i sacrifici, tutto l'impegno, ero sempre 1.000 passi indietro a tutti

Poi è successo quello che è successo , ho chiuso , ho preso una pausa, ho cercato di capire e ora sono di nuovo qui

Ora se solo ti riconosci in anche solo due o tre mie sensazioni...fermati e rifletti, ma fermati sul serio , non sto scherzando, rischi di fare la mia fine se non sistemi la situazione

Lo sai qual è il problema vero?


E' che noi paragoniamo troppo il nostro piccolo inferno privato con il grande mondo dorato pubblico degli altri
Clicca qui per condividere sul tuo profilo Twitter se capisci quanto è importante

Ma in questo modo non potremo mai essere pari no?


Non lasciare che tutto quello che ti circonda
 ti comandi

Non puoi veramente sapere tutto quello che stanno passando gli altri, non tutto quello che luccica è oro e io l'ho imparato a mie spese 

Come lo so?

Mi ricorderò sempre il giorno in cui arrivò quell'email perchè era il giorno in cui ho riaperto la mia partita Iva per Magnolia. 
Lo stesso preciso giorno una persona che non conoscevo e che tutt'ora non conosco mi scriveva "che bello il tuo blog, sei così energica, piena di voglia di fare, come si vede che le cose ti vanno bene. Purtroppo io non faccio che annaspare in un mare di sacrifici , ma non arrivo da nessuna parte" 

qualcuno in quel lontano pomeriggio di inizio autunno, stava guardando il mio blog e il mio sito e mi invidiava pensando di essere solo
che déjà vu vero?

Se solo in quel momento quella persona avesso letto solo qualche post precedente nel mio blog forse avrebbe capito, forse si sarebbe sentito meno fallito, perchè io non ero quella che pensava, lontana dall'essere perfetta, impossibile dall'essere grande in nessun modo

Noi vediamo la parte più esterna degli altri e oltrettutto anche la più splendida, quella che tutti cercano di far risplendere per brillare sugli altri, ma non ci rendiamo conto che dietro le quinte niente è mai come appare

 

Se sei agli inizi di un lavoro ,qualsiasi esso sia, non ti devi preoccupare se non ottieni risultati immediati, non ti paragonare mai a chi ha più anni di esperienza di te, perchè lì perdi ...invariabilmente, tristemente e duramente..perdi.

Guarda gli altri per prendere spunto , per trarre energia positiva, ma poi vai per la tua strada e non ti preoccupare se le cose non sono facili

Meno facili sono , più vuol dire che stai facendo un ottimo lavoro

Credimi, io lo so'

post signature





 
PS: la risposta al concorsino dell'ultimo post (le 3 C) verrà pubblicato a breve
 
ISCRIVITI ALLA MEWSLETTER PIU' INCREDIBILE CHE ESISTA, SE SEI UN PROFESSIONISTA, UN ASPIRANTE WEDDING PLANNER, UN IMPRENDITORE CHE PASSA UN PERIODO NERO... TROVERAI QUELLO CHE TI SERVE PER RINASCERE
PAROLA MIA